Dal 17 al 22 marzo in tutta Italia e nel mondo i giovani scenderanno in piazza: è la “Campagna globale per l’Educazione”.

Anche i giovani sensibilizzati da Incontro fra i Popoli si faranno “maestri” di vita e promotori di una nuova umanità, come Malala che ha rischiato la vita per vivere il suo diritto all’istruzione e Greta che denuncia l’inerzia dei capi di stato di fronte al degrado ambientale.

Domenica 17 marzo saremo a Cittadella per il primo appuntamento della settimana. I ragazzi distribuiranno volantini nelle piazze centrali della città;

 “Da mesi, se non da anni, sensibilizziamo migliaia di giovani nelle scuole, quest’anno in modo particolare sulle migrazioni – afferma Maria Nichele, responsabile del settore Cultura ed Educazione di Incontro fra i Popoli – Ora alcuni di questi giovani escono da scuola e si espongono. È un’iniziativa che si colloca all’interno del progetto “Giovani nuovi narratori e attori …” cofinanziato dall’AICS – Ministero Affari Esteri e realizzato assieme a Oxfam ed altre trenta ONG italiane”.

Ecco quanto hanno scritto i giovani nei volantini che distribuiranno:

“Siamo un gruppo di giovani e vogliamo guardare al futuro con SPERANZA. I valori della società che vogliamo costruire sono: GIUSTIZIA, PACE, RISPETTO, ACCOGLIENZA. Se lasciamo spazio alla paura e all’odio, non ci potrà essere sicurezza per nessuno. Molti di noi hanno paura degli immigrati e loro … hanno paura di noi!? Sarebbe bello che ogni persona e ogni popolo potesse vivere con dignità e in pace nel proprio paese. Per questo dobbiamo dire NO alla produzione e vendita di armi (1.700 miliardi di dollari all’anno); NO allo sfruttamento delle persone e del pianeta per arricchire noi benestanti ai danni di chi lavora e delle future generazioni (6 persone al mondo hanno la stessa ricchezza di 3 miliardi e mezzo di persone); NO all’indifferenza, al razzismo, alla ricerca del capro espiatorio, scaricando la rabbia sui più deboli e indifesi”.

La seconda parte del volantino riporta alcuni dati reali sul “FENOMENO MIGRATORIO” in ITALIA:

  • 973. 942: cittadini italiani all’estero
  • 144. 000: cittadini stranieri in Italia (8,5% sul totale degli italiani)
  • € 1.716 miliardi e 238 milioni: prodotto interno lordo (PIL) dell’Italia
  • € 131 miliardi prodotti dagli immigrati (8,8% del PIL dell’Italia)
  • € 11 miliardi e 900 milioni versati all’INPS dai lavoratori immigrati
  • € 19 miliardi e 200 milioni versati allo Stato dai lavoratori immigrati
  • € 17 miliardi e 500 milioni spesi dall’Italia per gli immigrati (1,75 % della spesa pubblica)
  • 590 mila imprese italiane con immigrati come imprenditori (6%)
  • € 424 miliardi inviati dagli immigrati nei loro paesi di origine (800 milioni di persone sostenute a distanza dagli immigrati)

Per scaricare il volantino cliccare qui