Settecento adolescenti 16-17enni lasciano le ore curricolari ordinarie di una mattinata di scuola, docenti e presidi consenzienti, per dedicarsi a scoprire le associazioni di volontariato del territorio. Succede a Cittadella, implica tutte le 26 classi terze degli Istituti Superiori.

L’evento si è realizzato il 12 gennaio all’Istituto Industriale e Artistico “Meucci – Fanoli” e si realizzerà il 2 febbraio all’Istituto per Ragionieri e Geometri “Girardi” e il 9 febbraio al Liceo “Lucrezio Caro”.

Organizzatrice dell’evento è l’associazione ONG “Incontro fra i Popoli”, che si è attorniata di un pool di associazioni scelte fra il centinaio presente nel Cittadellese: Patronato Pio X, Croce Rossa Italiana, Emporio Solidale, Stella del Sud – Bottega del Mondo, Protezione Civile, Aquaclub Nautilus, Comunità Papa Giovanni XXIII, Banca del Tempo Cittadellese, Operazione Mato Grosso.

«Queste e non altre associazioni di volontariato, seppure valide – asserisce Leopoldo Rebellato, presidente di Incontro fra i Popoli – perché offrono opportunità di inserimento operativo immediato come “volontario” anche ai giovani 16-17enni. E perché ci rivolgiamo proprio a questa specifica fascia di età dell’adolescenza? Perché è dimostrato che è l’età in cui si esce dalla pubertà e si entra nella giovinezza, è l’età in cui ci si percepisce come persona e si acquista voglia e desiderio di immettersi nella società, di divenire e affermarsi come soggetto sociale».

La mattinata inizia con un excursus sul “Volontariato e Volontario”, tenuto dallo stesso Rebellato in assemblea plenaria, dove vengono esposte le varie tipologie in cui si articola la società e in particolare il Terzo Settore e si sottolinea come il volontariato dia colore e musica alla società e come essere volontari permette la piena conoscenza ed espressione delle proprie potenzialità e… arricchisce il curriculum vitae.

Dopo questa plenaria, gli studenti, classe per classe, sono accolti dalle varie associazioni, dislocate ciascuna in una specifica aula: 25 minuti per presentare i volontari, l’associazione e le sue proposte “pronto uso” per i giovani. Poi la classe passa in un’altra aula per conoscere un’altra associazione e così via fino a esaurimento della mattinata.

Una lodevole iniezione di conoscenze e di empatia, di proposte di cittadinanza attiva e di stimoli alla propria realizzazione.

 

Info: scambiculturali@incontrofraipopoli.it, 335 836 7012 (Leopoldo)

 

Leggi tutti i comunicati stampa